Nadia Toffa e la sua malattia vissuta come un dono

Nadia Toffa e la sua malattia vissuta come un dono

191011-nadia-toffa-ed-il-suo-dono-logositalia

La notizia della morte di Nadia Toffa, giornalista e conduttrice del programma televisivo Le Iene, avvenuta il 13 agosto 2019 ha scosso un po’ tutti.

Il suo atteggiamento energico, ma mai rabbioso, nei confronti del suo cancro l’aveva trasformata in un’eroina positiva ed insolita, forse un po’ strana.

Questo perché, alle dure sferzate della malattia, e a quelle ancor più tremende delle terapie, rispondeva sempre con un sorriso.

Inoltre aveva sempre un messaggio di incoraggiamento per tutti.

Mille altre Nadia

Ma se ci guardiamo intorno, scopriamo che intorno a noi ci sono mille altre Nadia, che ogni giorno rispondono ai duri colpi della vita, comportandosi da eroi ed eroine.

Sono gli altri malati di cancro che sorridono in silenzio e, nei reparti oncologici di tutta Italia, incitano i propri familiari a tenere duro.

Sono le giovani vedove che non hanno avuto il tempo di asciugarsi le lacrime del lutto perché, dopo aver asciugato quelle dei propri bambini, sono dovute tornare a lavorare a 3 euro all’ora.

O tanti i padri separati a cui una giustizia ingiusta ha tolto i figli, la casa e la voglia di vivere.

Queste persone non mollano, e ai colpi della vita, rispondono come Nadia: vanno avanti cercando di sorridere.

L’insegnamento di Nadia

Nadia Toffa ci ha lasciati con un grande insegnamento.

Anche se per molti è stata l’esempio di una donna che ha combattuto con tutte le forze contro il cancro, non è stata una guerriera.

Piuttosto era una donna serena, che aveva accettato la sua malattia, al punto di definirla “un dono, un’occasione, un’opportunità”.

nadia-toffa-ed-il-suo-dono-instagram-logositalia

Ripeteva spesso che grazie al suo cancro aveva cominciato ad apprezzare la vita, ad assaporarne ogni minuto.

La vita, non sai mai quanta ce n’è ancora

Nadia Toffa

Ecco allora quale potrebbe essere il suo vero insegnamento: non combattere, ma semplicemente non smettere di vivere prima ancora di morire.

E se c’è riuscita lei, come disse in un’altra intervista, “possono riuscirci tutti”.

Condividi questo articolo!
Author Image
Simone Logos Losito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *